Amicizia infinita ma… provvisoria

Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Data - 19/07/2021
Ora- 0:00

Luogo:
Mediateca Montanari Memo

Categorie


BRUNO BOZZETTOGIORGIO A. F. VALENTINI
Mostra di cartonist

Orario d’apertura: da definire
A cura di Paola GennariIn mostra sono esposti una selezione accurata di lavori di Bruno Bozzetto (1938, Milano) e, Giorgio Valentini (1948, Fano), che vanno dagli anni ‘70 fino ad arrivare agli anni 2000.
L’allestimento è formato dalla presentazione di disegni, di pubblicazioni originali, di riproduzioni ed ingrandimenti che sono lo sviluppo creativo per la visualizzazione di film d’animazione detto anche concept design per cortometraggi, lungometraggi e spot pubblicitari, alcuni dei quali, fra i più importanti, verranno proiettati nella saletta video della Memo. Ad esempio “Cavallette” che è stato l’unico cortometraggio ad aver avuto una nomination agli Oscar negli anni ’90.
Valentini è stato dal 1972, per più di trent’anni, animatore, direttore creativo e regista della casa di produzione Bozzetto Film, nata nel 1960 a Milano, conosciuta a livello nazionale e internazionale, vincitrice di numerosi e prestigiosi premi in tutto il mondo, e che oggi porta il nome di Studio Bozzetto &Co. La vecchia casa di produzione divenne nota al grande pubblico prima per i lungometraggi di animazione: West and Soda (1965), Vip – Mio fratello superuomo (1968), Allegro non troppo (1975), poi per la realizzazione di film che ebbero come protagonista il Signor Rossi (1977), simbolo del cittadino italiano medio alle prese con il malcostume della propria società.
In mostra sono presenti anche lavori successivi all’esperienza Bozzetto Film, che Valentini ha realizzato fino a pochi anni fa, attraverso la sua società di produzione, cimentandosi anche in serie televisive d’animazione per la Rai.
Attraverso i lavori presentati si potrà notare che non c’è un unico stile artistico, ma ciascuna tavola è un progetto unico e irripetibile, perché occorre essere capaci di creare nuovi linguaggi ogni volta, e mettersi nella condizione totale di seguire spesso l’istinto, l’inconscio, ma anche le esigenze del committente, facendo affidamento a stati d’animo intimi e immaginifici che ogni artista deve possedere per questo specifico lavoro.
Secondo Bruno Bozzetto, per creare, occorre avere tre elementi importanti: il silenzio, la concentrazione e la fantasia. Vero, ma in uno studio dove si lavorava a stretto contatto con molte maestranze, vi era molta confusione e frenesia, si doveva produrre in fretta per i tempi di consegna sempre molto stretti, però, come dice Valentini “la fantasia volava alto, superando barriere inimmaginabili!”.

Paola Gennari


0
CONDIVIDI!