memoria-delle-mie-puttane-allegre-vagnoli

Memoria delle mie puttane allegre
di Carlotta Vagnoli, Marsilio

«Ho cercato le donne viziate, sommesse e sottomesse che tante voci raccontavano, le puttane tristi, le femmine disperate, le giovani abbandonate al loro destino. Eppure non ne ho trovate. Ho invece trovato donne materiche, concrete, vitali e dalla risata rumorosa, invadenti, troppo acute o eccessivamente baritonali. Ho visto figure capaci di seppellire intere generazioni senza mai perdere la lucidità, donne imbracciare fucili, donne piene di passione, amore e voglia di sovvertire le regole più antiche della società. Non ho rintracciato qualità deprecabilmente femminili, semplicemente perché non ne esistono.»

Se Macondo è un paese nella foresta circondato dal bosco dove si succedono generazioni di Buendía e ogni tanto arriva uno straniero, Marina di Castagneto Carducci – dov’è cresciuta Carlotta Vagnoli – ci somiglia abbastanza, se non fosse che a Macondo cercano il mare per tutto il tempo e a Castagneto Carducci ce l’hanno davanti. E a cos’altro somiglia un piccolo paese se non a una bolla social dove ognuno pensa di vedere e sapere tutto di tutti, o almeno ci prova? Raccontando la dicotomia “santa/puttana” come il modello fondativo dell’Occidente e prendendo le mosse da Úrsula, Pilar e Remedios la bella di Cent’anni di solitudine, l’autrice svela la furbizia di presupporre i buoni sentimenti o i cattivi costumi delle donne e ci accompagna, dentro e intorno ai romanzi di Gabo, a scoprire la possibilità di vivere avventure anche quando queste sono sbagliate.
Per capire cosa c’entrino con tutto questo e l’adolescenza la statua di Nonna Lucia di Carducci, il camper itinerante di una sex worker e la chiesa su ruote che portava la messa a Marina, e cosa significhi che l’Italia, proprio come Macondo, è tutta provincia – ed è proprio qui che nascono le storie –, non resta che leggere il libro.



23/06/2022 – Orario: 22:00 - 23:00 – Luogo: FanoPincio

CARLOTTA VAGNOLI, “Memoria delle mie puttane allegre” (Marsilio)
L’Autrice conversa con LORENZO PAVOLINI (Scrittore e critico letterario)


0


CONDIVIDI!