FANO – Progetto Refest: oltre le aspettative il risultato della ricerca di poeti, o aspiranti tali, “appassionati e volenterosi” per il progetto europeo di cui Passaggi Festival è partner italiano.

 

Progetto Refest, il racconto sui percorsi dei rifugiati

Il bando si è chiuso infatti con 25 candidature per gli 8 posti disponibili, risultato non scontato sia per i requisiti richiesti sia per il tema più che delicato.

REFEST – Images and Words on Refugees Routes” (Immagini e Parole sui Percorsi dei Rifugiati) – co-finanziato dal programma comunitario “Europa Creativa” – è un progetto che racconta e documenta, attraverso la fotografia, l’illustrazione e la poesia, le storie e i percorsi dei rifugiati e mette insieme quattro realtà europee: Passaggi Cultura per l’Italia, Urban per la Bosnia-Erzegovina, Organ Vida per la Croazia e Fondazione Montemadrid per la Spagna.

 

25 candidature tutte di ottimo livello

Il bando si rivolgeva a tutti i poeti o aspiranti tali, maggiorenni e residenti in Italia, che sapessero scrivere e parlare fluentemente in inglese e che, anche se non pubblicati, avessero comunque un curriculum significativo e dimostrabile. Il gruppo di 25 artisti è risultato estremamente eterogeneo: 15 donne e 10 uomini di età compresa tra i 25 e i 57 anni, provenienti da 11 regioni dal Tentino Alto Adige alla Calabria. In 21 hanno già pubblicato loro poesie e 8 hanno dichiarato di essere ‘poeti di professione’, ma ci sono anche 6 insegnanti, 4 tra giornalisti e comunicatori ed infine una studentessa, una riflessologa plantare, un matematico, un artigiano, un custode, un’attrice e una logopedista.

 

A breve saranno resi noti i nomi degli otto poeti selezionati

A questo punto si entra nel vivo, a breve saranno resi noti i nomi degli 8 poeti che intraprenderanno il percorso artistico, i quali si uniranno a 8 illustratori e 16 fotografi risultanti dai bandi dei partner stranieri per comporre il gruppo internazionale di 32 artisti che parteciperanno alle residenze itineranti per la creazione di progetti sul tema dei rifugiati. Prossimo appuntamento 4-8 dicembre a Sarajevo dove i 32 si incontreranno per un primo meeting al termine del quale saranno formati i 4 gruppi di lavoro.

 

Le opere prodotte esposte in quattro festival

Le opere prodotte verranno poi esposte in tutti i 4 Festival organizzati dalle associazioni partner. Tra gli obiettivi che il progetto si proporne c’è l’ampliamento del pubblico tramite un nuovo approccio multidisciplinare volto a diversificare e arricchire l’offerta culturale dei festival coinvolti, migliorando la qualità delle proposte artistiche e contemporaneamente rafforzandone il ruolo socio-culturale.

 

Ufficio Stampa Andreina Bruno
andreina.bruno1@gmail.com