Vuoi presentare un libro a Passaggi Festival? Ecco le indicazioni da seguire

Il programma 2022 è completo, vi preghiamo di non inviarci altre proposte. Da settembre 2022 esamineremo i libri che presenteremo a Passaggi Festival 2023 (opere edite tra luglio 2022 e giugno 2023)

 

Telmo-Pievani-Passaggi-Festival

Ogni anno Passaggi Festival riceve centinaia di proposte librarie. Ci scrivono editori, autori, lettori per segnalarci titoli e pubblicazioni, questo ci fa molto piacere e arricchisce le nostre conoscenze.

Chi intende presentarci una proposta, deve solo seguire poche ma essenziali regole:

1) Passaggi Festival è un festival di saggistica, con finestre sulla poesia, sulla narrativa e sui graphic novel.

Presenta libri pubblicati di recente. Ogni anno prenderemo in considerazione esclusivamente libri editi al massimo 12 mesi prima del festival, con netta preferenza per quei volumi che usciranno a ridosso della manifestazione. Le candidature di libri editi in precedenza non saranno esaminate.

2) L’autore o l’autrice del libro dovrà essere presente al festival.

3) Non prendiamo in esame testi scolastici, manuali universitari, manuali tecnici. Tranne eccezioni motivate, non accettiamo antologie o volumi critici di autori deceduti (ad esempio, un volume con la raccolta critica delle poesie di Mario Luzi). Non prendiamo in esame traduzioni di autori latini e greci, quindi inutile proporci di presentare l’ultima traduzione di Ammiano Marcellino o di Senofonte: non siamo il festival adatto, almeno non ancora.

Non presentiamo, tranne eccezioni, monografie aziendali, libri di propaganda politica o religiosa, raccolta di preghiere, libri di promozione di un prodotto, biografie di personaggi sconosciuti o poco conosciuti.

Non siamo un festival di talent-scout e non presentiamo, tranne eccezioni, libri autopubblicati (self-publishing).

Non presentiamo libri pubblicati nel solo formato digitale: il formato cartaceo è per noi una condizione fondamentale per essere inseriti nel programma del festival.

Tutti i libri presentati debbono essere identificati dal codice Isbn.

4) Accettiamo qualsiasi argomento, senza curarci di posizioni politiche, credi religiosi o filosofici. Non accettiamo, però, libri che inneggino o sostengano posizioni violente di qualunque genere. Siamo, insomma, intolleranti con chi è intollerante.

5) Gli autori non dovranno presentare il libro, prima del festival, nella provincia di Pesaro e Urbino e, possibilmente, nelle provincie di Rimini e di Ancona. Includiamo nel concetto di ‘presentare’: presentazioni librarie, firma copie, partecipazioni a iniziative in presenza o online dove si parla dell’opera.

6) Per le case editrici e gli autori non ci sono quote di iscrizione né costi per la presentazione. Da parte nostra non eroghiamo gettoni di presenza e non facciamo acquisto copie, ma garantiamo la copertura delle spese di viaggio e ospitalità.

7) Gli autori dovranno essere disponibili al firma-copie, nonché a firmare – prima della presentazione- le liberatorie per le riprese foto-video. Non ci sono eccezioni.

8) Il tema di ogni edizione non è vincolante nella selezione dei libri, ma una qualche attinenza fra tema e libro può essere ragione di accoglimento della proposta editoriale.

9) La candidatura di un libro da parte dell’editore deve essere corredata dalla scheda tecnica che includa la biografia dell’autore. È gradita una copia digitale del libro (formato pdf o epub o mobi).

10) In caso di accettazione e di inserimento nel programma del festival, la segreteria chiederà all’editore l’invio di foto dell’autore libere da diritti e foto della copertina, nonché di n. 3 copie cartacee del libro come archivio del festival, più una copia da destinare all’intervistatore (totale n. 4 copie).

Le proposte editoriali potranno essere segnalate alla e-mail: [email protected]



CONDIVIDI!